domenica 24 agosto 2014

Ah, ecco...

Io, affacciandomi sulla porta dello studio: "Secondo te ho il culo grosso?"
Gio: "No!" - ripensandoci meditabondo - "beh, cioè, forse un po' si..."
si gira e vede la mia occhiata truce
"...ma vale la prima risposta!"

domenica 25 maggio 2014

Pares Cum paribus facillime congregantur

Che poi mi chiedo: perché siete così sprovveduti? 
Possibile che abilissimi uomini d'affari, abituati a diffidare anche della loro madre, quando devono scegliere un medico non riescano a riconoscere un imbecille?
In questi giorni un paziente complesso è stato operato da un chirurgo incapace con due anestesisti infami.  Ovviamente il risultato dell'intervento è stato disastroso e ha solo complicato il problema.  In parecchi giorni di terapia intensiva siamo riusciti a far sopravvivere e stabilizzare il paziente in modo da fargli affrontare un nuovo intervento correttivo.
Il chirurgo si presenta in visita il giorno prima e di fronte al paziente, alla moglie e a me, fa ,in perfetto medichese ,una lezione sull'anatomia dell'apparato digerente, che io conosco dai tempi dell'esame di anatomia (2 anno del corso di laurea), e che loro non hanno nessuna possibilità di capire. Dice tre cazzate inutili con voce perentoria e senza aggiungere o togliere nulla alla terapia se ne va.
Il paziente con sguardo umido di commozione e ammirazione mormora: "ha visto dottoressa, che lezione di anatomia?  Ehhhh, la vecchia scuola! "

MA ALLORA SEI CRETINO!!!!
Questo macellaio ti spanza,  fa un casino che ti fa finire in rianimazione quando doveva essere un interventino, dopo 3 giorni tra la vita e la morte ti deve operare di nuovo e tu ancora lo veneri? Ma allora è colpa tua se stai così!

Ma poi, quando dico queste cose, mi accusano di essere poco caritatevole. Per cui mi sono limitata a sorridere con perfetta letizia.

lunedì 12 maggio 2014

Autoanalisi

-"Ma che è questa cosa che esce dall'utero?!"
- "Un fibroma."
-"Madonna mia...certo che siete strane pure dentro..."

Una nota in cronaca: qualche tempo fa sono andata con degli amici "laici" a vedere una mostra di anatomia. Ebbene, è stupefacente come i non medici siano "ignoranti" del loro corpo. La maggior parte, persone con per lo meno una laurea, ha fatto affermazioni stupefacenti.  Perciò vi do qualche dritta al volo così se incontrate un medico ad una mostra non fate la figura di quelli scesi ieri dalla montagna del sapone.
1. I reni sono piccoli e stanno in alto. Il punto della schiena che vi toccate dicendo "ho mal di reni" corrisponde al colon - retto.
2. Il cuore non sta dritto in mezzo al petto, ma giace reclinato sul diaframma quindi più in basso di quanto credete. Non avete l'infarto.
3. L'appendice è grande quanto un dito. Sì è quella cosetta piccola in basso a destra che fa tutto questo casino
4. Le ovaie sono piccole e insignificanti. Finché non hai il ciclo
5. Le carotidi sono 2 e sono arterie.  Non vene . La differenza è rilevante.

Per qualsiasi altro dubbio vi consiglio "Netter:atlante di anatomia." Un libro per conoscere se stessi. Altro che psicanalisi.

lunedì 7 aprile 2014

Il cinismo in purezza

Infermiere al paziente del letto 2 dopo la morte del paziente del letto 1: "oh, t'è passata vicino, ma t'ha schivato all'ultimo ,eh! "
Non è che siamo proprio cinici, è che qui la Signora è una probabilità al 50%, ecco perché la trattiamo con un po'di confidenza...

lunedì 24 marzo 2014

La classe non è acqua

Tra le molte leggende tramandate oralmente nel mondo medico e quindi quasi certamente spurie, ce n'è una che viene citata spesso dai chirurghi.
Dopo l'attentato che lo aveva ferito gravemente, Togliatti venne operato dal professor Valdoni, allora - e tutt'ora - considerato un principe della chirurgia italiana.
Vuole la leggenda che quando il politico giunse in ospedale, in condizioni gravissime, il medico con le mani in un altro paziente, mollò tutto per andarlo ad operare.
 Alla dimissione del paziente, Valdoni , che amava la gloria ma pare non disprezzasse il denaro, inviò la sua parcella che Togliatti trovò un po' troppo salata. Inviò quindi il pagamento in una busta con accluso un biglietto sprezzante che diceva: "Ecco l'assegno, ma sono soldi rubati"
Il grande chirurgo senza scomporsi rispose laconicamente "Grazie del saldo. La provenienza del denaro non mi interessa"


P.s. verificando le fonti, ho trovato questo aneddoto citato anche da Indro Montanelli. 

lunedì 17 marzo 2014

Bruciarli in piazza è stato inutile...

"Ciao amore!, mamma è tornata dal lavoro! come stai? come è andata all'asilo?"
"Bene. Mamma, vieni a giocare con la casa dei lego?"
"Si, amore, un attimo che mamma si leva questo trucco che le impiastriccia la faccia,si mette la tuta  e toglie questo reggiseno scomodo..."
Sofia, guardando ammirata il reggiseno di intimissimi, con un minimo sindacale di pizzo "Mamma, che bello...da grande posso avere anch'io un reggiseno scomodo?"

martedì 11 marzo 2014

escusatio non petita

Scusata raga,
ma ieri c'è stata la prova orale dell'ennesimo concorso pubblico che mi sono sparata, così per la gloria. Se ci mettiamo che i turni in ospedale, la bambina e il fatto che senza psicostimolanti pesanti non sono più smart come una volta nello studio, questa settimana sono stata un po'assente da questo sistema solare.
Per chi vuole sapere com'è andato il concorso dirò che almeno li ho fatti ridere.
Ed ora aspettiamo la graduatoria
Buona settimana!