venerdì 20 marzo 2009

Moda ospedaliera

una delle idiosincrasie preferite dai pazienti è quella di cercare di dare un significato gerarchico al colore delle divise che indossano gli operatori sanitari.
Una volta per tutte: la tuta è solo un indumento di cotone che serve ad evitare che sputi e sangue finiscano sul vestito buono: negli ospedali più ricchi le tute sono tutte uguali perchè l'ospedale le lava e le fornisce, in quelli più poveri sono diverse perchè ognuno se la compra da sè e se la lava a casa quindi la sceglie del suo colore preferito. (nota a margine: la tuta non è sterile! non serve a proteggere voi dai germi di fuori, ma noi dai vostri germi di dentro!!!)
In linea generale le tute che si usano in sala operatoria sono verdi, e lo sono per tutti: medici, infermieri e portantini. le tute che si usano nei reparti sono bianche e le usano gli infermieri e i portantini. I medici dei reparti di solito hanno il camice (segno questo che infatti le mani se le sporcano pochino...)
Ma se proprio vogliamo tracciare delle linee che aiutino il paziente ad orientarsi nel mondo della moda sanitaria eccole qua:
1- se portano la cravatta non sono anestesisti.
2- l'altezza del colletto della camicia e la sua rigidità sono inversamente proporzionali al grado gerarchico.
3- la pulizia del camice è inversamente proporsionale al grado gerarchico
4- se un operatore sanitario porta una divisa della sua taglia è un infermiere, se la porta di una taglia in più è un anestesista se la porta di due taglie in più è uno specializzando di chirurgia. Questo perchè chi arriva prima la mattina prende le divise migliori dal mucchio.
5- Se la divisa è della taglia giusta ma si abbina a:
a) filo di perle
b) orologio d'oro al polso
c) scarpa molto usata ma che si capisce molto costosa
è un primario chirurgo e gli hanno tenuto da parte la divisa.
6 - nessuna donna che porti un tacco superiore ai 2 cm lavora, qualunque cosa indossi per farvi credere il contrario: financo Enrica, che è la regina indiscussa del glamour, i cui pigiami sono simili al mio unico abito da sera, viene a lavorare con gli zoccoli bassi (rosa confetto, ca va sans dire...)
Un consiglio: diffidate di chiunque si vesta sul luogo di lavoro in un modo che a voi sembra scomodo per lavorare: per essere un buon medico ci si deve sporcare spesso le mani.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Buono a sapersi...
Nell'unico ospedale che ho frequentato a lungo la divisione per colori c'era, :D azzurro infermieri, rosso caposala, verde oss.
Ma in sala operatoria erano tutti lilla.
I medici in camice, tacco a spillo o cravatta mi facevano un po' antipatia.
layla

propofol ha detto...

Ma dai! sei il mio mito! davvero conosci un posto in cui avevano le divise separate per colore?!?! e dove le tenevano? tutte in un posto diverso? e le lavavano a casa o le lavava l'ospedale?

Atropo ha detto...

Anche noi abbiamo i colori diversi! *_* c'è una gamma di abbinamenti (non necessariamente sensati) che Iridella, al confronto, era in bianco e nero.
Intensivisti, sia medici che infermieri, celesti, collo a V ed abbottonatura xifo-pubica in stile "Pigiami che ami"; chirurghi bianchi (colore destinato ad un drastico viraggio durante il corso della giornata), infermieri di reparto con delle righine ai bordi, dove la caposala ha il righino blu.
Per non parlare delle tute aerospaziali blu elettrico effetto crespo di alcuni oss, ed altre divise che devo ancora decifrare. Un carnevale di Rio,in pratica.

Il vero spettacolo sono però le etichette identificative, bianche rettangolari con pesante bordo nero o bluette, dove quasi quasi ti aspetti di leggere "il fumo nuoce gravemente alla salute".

Tutte le divise le lava la lavanderia dell'ospedale. Leggende metropolitane parlano di un microchip nascosto nella stoffa che ti identifica se ti freghi la divisa, un po' come il microchip dei cani.

"I want to believe".

propofol ha detto...

ma dici sul serio!?!
il pigiamino azzurro dev'essere una cosa imperdibile!
e gli anestesisti in sala che divise portano?
comunque io non avrei resistito, ne avrei portata una fuori dall'ospedale per vedere se il giorno dopo lo scoprivano... =)